E’ SOLO UNA BATTAGLIA NON LA GUERRA

Quella di Kenneth è stato una battaglia, finalmente l’incubo del braccio della morte è terminato e al più presto potrà abbracciare per la prima volta da quando è entrato in prigione, sua figlia, sua moglie Tasha che ha sposato nel 2005. Ma ci pensate? Non poter abbracciare e toccare la propria figlia! La propria moglie! Il braccio della morte è … Continua a leggere

ULTIME NOTIZIE DAL TEXAS

Poco fa le ultime notizie, la commissione di grazia (Border of Pardon and Paroles) che doveva prendere una decisione ieri, riguardo Kenneth Foster, ha posticipato a mercoledì 29.  Entro la fine del giorno dovrebbero decidere qualcosa. Il motivo del ritardo è dovuto dall’esecuzione di John Amador che avverrà tra qualche ora circa, dopo le 2:00 ora italiana. Le autorità italiane … Continua a leggere

LEGGE CONTRO LE TORTURE

Reato di tortura Dopo lo scandalo delle sevizie nel carcere iracheno di Abu Ghraib e in quello cubano di Guantanamo, e dopo la pubblicazione del Rapporto Annuale dell’organizzazione per la tutela dei diritti umani, il tema della tortura è entrato di prepotenza nel quotidiano di ogni singolo cittadino, imponendo a tutti una presa di coscienza su violazioni dei diritti umani compiute … Continua a leggere

NESSUNA SPERANZA

Tra poco più di 32 ore circa, verrà eseguita la condanna a morte di Kenneth Foster. Lo stato del Texas in questi giorni si è dato molto da fare con le esecuzioni. Nel mese di agosto sono ben 5. Oggi mi è capitato di trovarmi a leggere qualcosa di molto sgradevole nel guestbook del sito di Kenneth. Un tale, Dave, … Continua a leggere

400 ESECUZIONI IN TEXAS

  Questa notte all’ 1:00 (ora italiana), il Texas ha dato il via alla sua 400° esecuzione da quando nel 1982 è stata riammessa la pena di morte nello stato.  Il condannato era un uomo afro-americano di 32 anni, Johnny Ray Conner, accusato nel 1998 dell’omicidio di una commessa durante un tentativo di rapina. Il governatore Rick Perry, in un … Continua a leggere

KENNETH SCRIVE…

Kenneth ha fatto sapere oggi che ha iniziato la sua “protesta non-violenta” insieme ad un altro condannato che si chiama John Joe Amador, la cui esecuzione avverrà un giorno prima di quella di Kenneth. Riporto le sue parole “nel nome dei diritti umani, di tutte le religioni di pace, nel nome dell’amore e del perdono io Kenneth jr Foster e … Continua a leggere